News

Inquinamento elettromagnetico

Inquinamento elettromagnetico e reti WiFi, come risolvere il problema

Se in una stessa zona sono presenti troppe reti WiFi, può originarsi un effetto di “rumore” dovuto all’inquinamento elettromagnetico, che disturba la connessione per gli utenti. Poco tempo fa abbiamo dovuto affrontare questo problema: ecco come l’abbiamo risolto.

Inquinamento elettromagnetico da WiFiPer un nostro cliente che opera nel settore moda abbiamo avuto il piacere di intervenire in zona Via Montenapoleone, a Milano, per realizzare la copertura WiFi a servizio della clientela. Quella zona, conosciuta anche come il quadrilatero della moda, vede presenti tutti i brand più prestigiosi della moda mondiale.

La copertura WiFi del negozio serve per l’utilizzo interno degli operatori ma contestualmente permette alla clientela di poter utilizzare i dispositivi mobile con WiFi durante lo shopping, servizio molto apprezzato dalla clientela estera. In tutto sono state realizzate tre reti , una per i dipendenti , una per gli ospiti italiani ed una per gli ospiti stranieri.
La tecnologia usata è stata Aruba Networks per la presenza del controller integrato negli apparati e per la possibilità di poter monitorare la rete da remoto direttamente dalla nostra sede di Ancona.

La presenza del controller integrato è stata particolarmente apprezzata perché nella zona vi è un elevato inquinamento elettromagnetico, dovuto alle reti WiFi confinanti. In alcune ore del giorno gli access point rilevano circa 50 reti Wifi confinanti, la maggior parte alla frequenza di 2,4Ghz.
Il controller integrato analizza la quantità dell’etere e decide su quali canali far lavorare gli utenti , spostando contestualmente gli apparati dei clienti sulla frequenza di 5Ghz se il terminale lo supporta.

Il controller integrato , la doppia frequenza e la tipologia di antenne ha permesso di annullare gli effetti negativi dell’inquinamento elettromagnetico dell’etere rendendo la rete funzionante e stabile durante tutta la giornata.
Molto apprezzata è stata la taratura delle potenze che ha permesso di mantenere nel perimetro dell’attività commerciale la copertura WiFi evitando un utilizzo improprio da parte di utenti esterni, aumentandone la sicurezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *