News

Fibra ottica OM4, la velocità aumenta a 10G/s ma…

Uno dei nostri clienti poco tempo fa ha effettuato un importante upgrade della propria rete dati. E’ passato dalla dorsale in rame da 1G/s a due nuove dorsali in fibra ottica da 10G/s cadauna. In totale, quindi, 20G/s in momenti di forte carico di rete. La fibra ottica scelta è stata multimodale OM4, che in potenza raggiunge velocità fino a 100G/s, secondo lo standard 802.3bm. I vantaggi della fibra ottica, quali l’immunità a campi elettromagnetici e la robustezza del rivestimento utilizzato, hanno permesso di utilizzare le canalizzazioni già presenti nell’impianto elettrico, con molti vantaggi in fase d’installazione.

Fibra otticaLa terminazione, per esplicita scelta aziendale, viene effettuata sulla totalità delle nostre installazioni tramite giuntatrice a fusione Fjikura. Nonostante l’affidabilità della fusione, abbiamo riscontrato con sorpresa problematiche su alcuni canali di trasmissione. Nello specifico, alcuni link sono perfettamente funzionanti, altri presentano un certo numero di errori nella trasmissione di pacchetti, altri non funzionano.

Faccio presente che i tempi di accesso al server sono migliorati notevolmente rispetto al cavo in rame ad 1G/s. Inoltre gli errori di trasmissione di pacchetti non sono percettibili dall’utente, ma sono rilevati solo dai sistemi di log degli apparati attivi.

L'OTRD per controllare la fibra otticaPer poter rendere perfettamente funzionanti le dorsali, sono stati esclusi problemi nelle bretelle ottiche e nella pulizia delle connessioni. Poi si è deciso di procedere ad un controllo, con un OTRD, dei link che presentavano problematiche di trasmissione.

In conclusione, il passaggio a velocità superiori rende obbligatoria un’analisi del tratto della fibra ottica, per avere garanzia del funzionamento. L’analisi va effettuata prima che il mezzo trasmissivo venga sottoposto a upgrade nella velocità di trasmissione. Prossimamente approfondiremo l’OTDR come strumento indispensabile per garantire il funzionamento della trasmissione tramite fibra ottica. Continuate quindi a seguirci!

1 commento

  1. maurizio Ferri

    sicuramente quando la rete sarà completata in Tutta Italia, isole comprese.., si avrà una notevole differenza di scambio dati, ho da fare peró due riflessioni, una e l invadenza della privacy, va bene il controllo casuale, ma, oggi chiunque può avere un software che forse si usa con degli apparati che identificano con precisione il punto esatto da dove si trasmette, e questi lo usano sopratutto le aziende, tipo, anche io sono di milano usciamo assieme? viene da chiedersi perchè lo stato ha dato queste autorizzazioni , viene da chiedersi che senzo ha essere così visibili, la seconda cosa è che la rete non sarà mai perfetta sin quando la tim o chi per loro mischierà Fibra ottica con vecchi cavi che non sono nemeno in rame, per dare un esempio, da dove abito io , il filo dallo armadio fa altri cinquecento metri per poi ridiscendere in un pozzetto dive sta scritto sip e che a quanto so mai controllato, se questa è la mentalità di finra ottica ve la potere ben tenere per voi, non vedo niente di serio ne professionale in un si fatto impianto di due. lire..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *